Calo registrato nel 2017 rispetto al 2016

Ogni membro del Cda è responsabile!

La legge di bilancio 2018 ha introdotto una detrazione ai fini IRPEF, pari al 36 % delle spese sostenute per interventi consistenti nella sistemazione a verde di aree relative a unità immobiliari.
Al fine di approfondire i diversi aspetti della materia, è stata pubblicata in EVOLUTION, nella sezione-Imposte Dirette-, una apposita Scheda di studio.
Il presente contributo rappresenta uno strumento utile per approfondire le modalità di fruizione e l’ambito applicativo dell’agevolazione in commento.
L’articolo 1 comma 12 della L. 205/2017 (legge di bilancio 2018) ha introdotto per l’anno 2018, una detrazione ai fini IRPEF, pari al 36 % delle spese documentate, fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 5.000 euro per unità immobiliare ad uso abitativo, relative a interventi consistenti in: «sistemazione a verde» di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi; realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.
La detrazione spetta anche per le spese sostenute per interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali di cui agli articoli 1117 e 1117 bis del codice civile, ed è fruibile fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 5.000 euro per unità immobiliare e deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi.
Nell’ipotesi di unità immobiliare ad uso abitativo la detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.
La legge precisa che l’agevolazione spetta a condizione che i pagamenti siano effettuati con strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni. I pagamenti, quindi, possono essere eseguiti mediante: bonifico; bancomat o carte di credito.

La Legge di Bilancio 2018 ha introdotto, per le assunzioni effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre prossimo, uno sgravio contributivo del 50% per l’assunzione di under 35.
Il bonus assunzioni giovani 2018 sarà ammesso per i lavoratori fino a 35 anni di età esclusivamente fino al 31 dicembre a patto che questi non siano mai stati occupati con contratto indeterminato. A partire dal 1° gennaio 2019 l’agevolazione sarà rivolta soltanto alle assunzioni di under 30.
L?agevolazione per imprese consiste in uno sgravio contributivo del 50% sui contributi previdenziali, ad esclusione di contributi e premi Inail, per un importo massimo di 3.250 euro all’anno e per una durata

Le novità dopo la finanziaria 2018

L’INPS, con il messaggio n. 535 del 2018, rende noto l’avvenuta emissione degli avvisi bonari riguardanti la rata contributiva in scadenza a novembre 2017 per artigiani e commercianti. A contribuenti e intermediari saranno inviate apposite email di alert.

Negli ultimi anni il legislatore ha introdotto disposizioni sempre più stringenti in relazione all’utilizzo dei crediti in compensazione. Basti pensare che solo qualche mese fa la Manovra correttiva ha abbassato la soglia a 5.000 euro per l’obbligo di apposizione del visto di conformità e ha reso sempre necessario il ricorso ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel e Fisconline) per i soggetti titolari di partita Iva.

Il termine entro il cui inviare le cu per le attività sportive dilettantistiche e’ il 7 marzo!
Invitiamo le associazioni con contabilità esterna a far pervenire:
Documento identità
Codice fiscale
Quietanze di pagamento dei compensi erogati nel 2017